venerdì 4 settembre 2015

SEMPRE COLPA TUA

Per rifilare ad un commensale un piatto di cibo scadente ( o scaduto ), dal sapore amaro e disgustoso, bisogna riempirlo di spezie e condimenti piccanti che ne mascherino il sapore e – soprattutto – la fregatura.
Così le religioni condiscono le loro dottrine con abbondanti sensi di colpa e continui lavaggi del cervello. 
E qui la fregatura è ben più grave di un piatto di pesce marcio venduto per fresco.
La nuova gestione ha lavorato sodo nel marketing gettando la polvere del falso progressismo e della pianificata simpatia negli occhi di chi rischiava di aprirli.
Ora, alla vigilia di uno dei più conosciuti eventi truffaldini di massa, in un nuovo slancio pubblicitario, esce fuori l’offerta speciale dell’assoluzione per chi ha abortito.
I più ingenui avranno gongolato in un mare caldo di compiacimento, dispensando a destra e a manca grandi quantità di “hai visto? E’ un innovatore, un progressista!!”.
Chiediamoci invece di cosa mai dovrebbe essere perdonata una donna che abbia vissuto una tragedia come quella di un aborto.
Già, perché i signori in nero ritengono che subire un aborto sia come prendere il sacchetto dell’umido e gettarlo nel bidone sotto casa.
Quelli che dedicano le loro morbose attenzioni ai bambini, poco sanno di cosa accada prima della loro nascita.
E così lo stimato progressista non fa altro che affondare ancor di più le unghie nella creduloneria popolare. 
Concedere il perdono, aumentando il senso di colpa a chi di colpe non ne ha, se non quella di credere in una favola senza un solo riscontro reale, dove i cattivi sono vestiti da buoni ed i buoni sono convinti di essere cattivi.


mercoledì 2 settembre 2015

ANCHE LA MISERIA E' UN AFFARE

Il governo tace e tra l’indifferenza del Presidente del Consiglio e la latitanza del Ministro degli Interni, affida al TG nazionalclericale il compito di minimizzare il duplice delitto di Palagonia, enfatizzando astutamente il gesto eroico dell’ucraino ucciso nel tentativo di sventare una rapina al supermercato.
In un paese come l’Italia può succedere di tutto.   
Perfino di essere accusati di sovversione se si protesta contro l’incapacità politica di gestire l’immigrazione che da anni ormai ci inonda, senza che nessuno riesca a porre un argine.
Solo una minima parte dei migranti in arrivo fugge da reali condizioni di pericolo, a differenza di quanto tentino di farci credere i media.
Insieme a loro - gente attratta dalla falsa speranza di un avvenire migliore - c’è anche tanta gentaglia che i paesi d’origine sono stati felici di buttar fuori dalle carceri e dal paese o che comunque finirà ad ingrossare le fila della criminalità, per necessità o per vocazione che sia.
Tutti insieme son un grande affare economico per le sanguisughe di stato, con i milioni regalati dalla UE e quelli succhiati dallo stesso bilancio nazionale da cui si tagliano miliardi alla sanità, istruzione e mille altri servizi.
Gli angioletti che sostengono con tutte le loro forze l’accoglienza ad ogni costo, sapranno anche spiegare ai parenti delle vittime di questo e tanti altri orrori ( ricordiamo le persone uccise a picconate da Kabobo ) il motivo della loro perdita ?
E sapranno anche spiegare a tutti noi come sostenere tante persone a vita, visto che l’unica via per loro sarà un’altra schiavitù, nella migliore delle ipotesi nei campi ?


domenica 30 agosto 2015

UN POSTO AL CALDO

Un antico detto popolare 
assegna agli ortolani un triste destino, 
ma anche per i cetrioli la vita non è facile ...


venerdì 28 agosto 2015

AGGIORNAMENTI IN BORSA

Dopo i recenti scossoni 
del mercato azionario cinese, 
sarà bene fare 
un quadro preciso della situazione ...


giovedì 27 agosto 2015

mercoledì 26 agosto 2015

POMPA CON TRUFFA

Ultimamente il prezzo del petrolio 
è più che dimezzato.
Dagli oltre 100 dollari/barile 
si è scesi sotto i 50.
Eppure il prezzo della benzina 
al distributore non cala.
Frutto di una truffa ben congegnata dal governo, 
che compensa il prezzo alzando le accise, 
ai danni soprattutto di chi 
- causa stato vergognoso del trasporto pubblico - 
è costretto a viaggiare 
con la propria auto per lavoro.


sabato 22 agosto 2015

STRUMENTI FINANZIARI

A loro una nota.
Di demerito.


VENGO ANCH'IO, NO TU NO

Funerali negati 
a chi ha voluto porre fine dignitosamente 
ad un'esistenza onesta, 
ma concessi in pompa magna 
a chi l'ha trascorsa da criminale di primo ordine.
Il grande business della creduloneria 
sceglie bene i suoi clienti.
Sempre quelli che hanno più soldi.


mercoledì 19 agosto 2015

DOMANI TI PAGO

I nostri "onorevoli" mangiano 
piatti d'alta cucina per pochi centesimi, 
ingrassando alla faccia di chi paga il conto per loro, precario o pensionato che sia.
Un privilegio assurdo ed inconcepibile 
come tanti altri, 
visto che ogni mese portano a casa 
uno stipendio pari - se non superiore - 
al salario annuo di milioni di contribuenti.
Come se non bastasse, 
alla Buvette della Camera i "signori" 
hanno lasciato un debito di circa 20.000 Euro.
E cosa ci aspettiamo dal paese, 
se è questa la gente che lo guida ?



domenica 16 agosto 2015

LE NUOVE DEPORTAZIONI

Il regime ha trovato l'uovo di Colombo 
per risolvere il problema 
dei precari nella scuola.
Basta semplicemente metterli nelle condizioni 
di rifiutare il posto a cui hanno diritto.
L'obbligo di accettare posti fuori sede, 
da una parte all'altra dello stivale, 
è l'ultima trovata del nuovo duce nero, 
che più nero non si può.


sabato 15 agosto 2015

C'E' SEMPRE CHI STA PEGGIO

C'è chi festeggia l'Assunzione, 
ma si dice che qualcuno sia andato in pensione 
con soli 33 anni di servizio !!


venerdì 14 agosto 2015

RITARDI PLANETARI

La notte delle stelle cadenti 
non è più quella del 10 agosto.
Forse perché ormai neanche le stelle 
sono più quelle di una volta.


giovedì 13 agosto 2015

LA DURA LEGGE DEL MARE

La ricerca scientifica parla chiaro: 
le ostriche non avrebbero 
le proprietà afrodisiache 
da sempre sbandierate ai quattro venti 
( probabilmente dai pescatori di ostriche ).
In poche parole, 
non c'è ostrica che tenga, 
se la vostra partner è una cozza !!


martedì 11 agosto 2015

AVRESTI DA ACCENDERE ?

Matteo prova a spaventare gli italiani.
Dopo di me il buio.
Ma questa bolletta la paghiamo cara !!


DUE PESI, DUE MISURE

La chiesa si scaglia con forza 
contro chi si oppone ai flussi migratori.
Eppure loro, ricchi da fare schifo e proprietari 
di quasi un quarto del patrimonio immobiliare italiano, 
di portarsi a casa quella gente 
proprio non ne vogliono sentir parlare.
A parte qualche misera iniziativa propagandistica, 
lo stato più ricco del mondo non prevede la permanenza 
nelle sue proprietà di stranieri.
E nessuno protesta, nessuno condanna.
E' il modo di pensare al contrario degli italiani.


sabato 8 agosto 2015

PAESE CHE VAI ...

All'Egitto, che ha raddoppiato in poco tempo 
l'ampiezza del Canale di Suez 
(opera di sbalorditiva portata ), 
si contrappone l'Italia, che non è riuscita neanche 
a costruire un ponte sullo Stretto di Messina.
Ma l'aspetto più interessante è che questo ponte inesistente 
è già costato ai contribuenti una somma maggiore 
di quella necessaria per realizzarlo.
La politica italiana non lascia risorse alla collettività..
Le assorbe quasi completamente 
attraverso corruzione, mafia ed incapacità.
Quel poco che si salva dà vita 
ad opere pubbliche e servizi scadenti, di pessima qualità.
Anche questo un motivo per cui l'Italia muore, 
soffocata da tasse altissime, 
a cui non corrisponde alcun beneficio di ritorno.


giovedì 6 agosto 2015

PARLA COME MANGI

In un'Europa in cui si cerca di difendere 
le proprie origini linguistiche 
- Francia per prima - 
l'Italia fa di tutto per perderle.
Questo grazie soprattutto a chi la lingua italiana
dovrebbe usarla per mestiere: 
giornalisti e scrittori.
Grazie a loro, invece, nascono dei mostri orrendi, 
che testimoniano il degrado immeritato del nostro idioma.
Stoppare, matchare.
Inutili, pacchiani e dannosi tentativi 
di essere originali o moderni a tutti i costi.
E' un tormentone estivo ormai la classica espressione 
"caldo torrido e afoso" 
sbandierata da sprovveduti analfabeti, 
ai quali sarebbe bene ricordare che il caldo 
è torrido quando l'umidità è bassa ed afoso quando è alta.
I due termini coincidono solo nella zucca 
di chi dovrebbe tornare sui banchi di scuola.


domenica 2 agosto 2015

DALLA PARTE DEL PEGGIORE

Con tutta la strafottente arroganza di chi d
el popolo se ne frega, 
il nuovo duce - lungi dal chiedere scusa 
per il "bel servizio" dato alla patria - 
torna sull'argomento 
nel peggior modo possibile.


giovedì 30 luglio 2015

martedì 28 luglio 2015

INSANITA' ALL'ITALIANA

Il governo prosegue l'opera 
di distruzione totale dei servizi sociali, 
che però si continuano a pagare 
profumatamente.



mercoledì 22 luglio 2015

TESTE DURE, TERRA CALDA

Ogni anno la situazione peggiora, 
ma nessuno si muove.
Non bastano le grida d'allarme 
di scienziati e climatologi, 
nè le catastrofi sempre più gravi.
Non bastano morti e carestie, 
alluvioni e tornado a smuovere i politici, 
tutti presi come sono a difendere 
i loro conti e le loro rielezioni.
Mezzo secolo fa il TG gridava all'ondata di calore 
quando il termometro arrivava a 31 - 32 gradi.
Oggi  non è più notizia se non si superano i 40.
Il pianeta sta morendo, ma quel che è peggio, 
è che nessuno sembra rendersi conto 
che su questo stesso pianeta ci siamo noi, 
senza possibilità di fuga.


lunedì 20 luglio 2015

TRASFORMAZIONE DELLA MATERIA

Cambiano i tempi, 
cambiano i canoni della virilità maschile.
Non più dimensioni, 
ma punto di fusione.


sabato 18 luglio 2015

venerdì 17 luglio 2015

DALLA FORCA AL FORCONE

Sentendo nuovamente puzza di condanna, 
Silvio grida alla rivoluzione.
Ma ormai ci credono in pochi.
Diciamo quasi nessuno.


mercoledì 15 luglio 2015

mercoledì 1 luglio 2015

COLAZIONE ALTERNATIVA

La crisi è forte ed influenza 
- oltre alle nostre abitudini - 
anche la nostra alimentazione.
Le aziende alimentari hanno già trovato 
nuove soluzioni per la colazione del mattino.


venerdì 26 giugno 2015

NOMEN OMEN

Quell'omino, dall'apparenza inizialmente innocua 
e dalle espressioni finte, 
che nessuno ha eletto, 
continua a distruggere i cardini 
dello stato italiano.
Mai fidarsi di chi sa sempre tutto 
e non accetta consigli.


giovedì 25 giugno 2015

IL CONSIGLIO DELL'ESPERTO

Mastro Titta, famoso come "er boja de Roma", 
visse intorno al 1800.
Chissà cosa penserebbe 
se tornasse oggi nella capitale.
Forse avrebbe molto più lavoro 
di quanto ne ebbe a suo tempo ...


martedì 23 giugno 2015

QUALCUNO VUOLE OLIARE BENE ...

Da un po' di tempo non si parla più di abbattimenti, 
ma il nemico numero uno degli ulivi italiani 
- e più precisamente pugliesi - 
non è la Xylella, bensì la stessa Europa 
che tanto si batte 
contro i nostri eccellenti prodotti alimentari.
I nostri prodotti gastronomici 
sono i migliori al mondo 
e danno fastidio ai produttori di schifezze 
che nel resto della Comunità Europea 
si consumano.
E danno fastidio anche 
alle grandi catene di distribuzione, 
per le quali la salute umana vale meno che niente, 
in confronto al profitto.


sabato 20 giugno 2015

TUTTI A CASA

Gli amanti dei discorsi al contrario saranno finalmente soddisfatti.
Un esercito di benpensanti si è torturato per mesi le meningi, 
chiedendosi ossessivamente non il motivo per cui 
tanta gentaglia fosse fuori dalle patrie galere, 
ma perchè mai uno di loro fosse ancora dentro, 
nonostante un curriculum criminale di tutto rispetto.
Ora anche lui è a casa, coccolato e riverito da fans "indignados" 
rigorosamente connessi ai social, sui quali tanto insistentemente 
hanno gridato la loro solidarietà.
L'Italia è un paese in cui il delinquente non è un danno per la società, 
ma una simpatica canaglia da imitare e rispettare.
E così la marmaglia si trasforma in esempio di vita, 
mentre l'onesto vicino della porta accanto appare sempre più 
come un povero idiota, prigioniero del posto fisso 
e del suo mediocre stipendio.
Soldi facili, a nero, il SUV da guidare ubriachi e senza patente, 
ricatti e stampa di valuta falsa 
... roba da niente.
Per gli italiettani sono altre le cose da punire.



sabato 13 giugno 2015

venerdì 12 giugno 2015

ARRIVO, BUTTA LA PASTA !!

La pacchia è finita.
Per il marito, intendo.
Samantha è di nuovo a casa, 
rientrata nel pieno di una 
riunione di condominio per elevare il numero dei millesimi, 
prima che venisse sospesa per mancanza di partecipanti.
Dopo sei mesi di rutto libero, calzini e canottiere sporche 
buttate da ogni parte, da oggi si riprende la vita di tutti i giorni:
Aspirapolvere mattina e sera, 
pattine ai piedi e cera ai pavimenti.