giovedì 21 ottobre 2010

PRIMA DEL NAUFRAGIO

Trichet si abbandona ad elogi nei confronti della Banca d'Italia.
L'economia italiana - però - cola a picco e milioni di famiglie scivolano verso la soglia di povertà, mentre il piccolo premier pensa solo a salvare le chiappe dai mille processi che lo vedono imputato, incapace di affrontare la crisi che da noi - nonostante i suoi sforzi per nasconderlo - è peggiore di tutti gli altri paesi.

1 commento:

magocamillo ha detto...

Con la richiesta da parte della ex moglie di 3,5 milioni di euro al mese, sono sicuro che anche la pillola non funzionerà più.
Il povero nano si ritrova una Veronica con il portafogli a fisarmonica.
Eh..! Eh..!